Rapinatrici promettevano sesso agli anziani per derubarli

Adescavano le vittime, poi le addormentavano con potenti sedativi. Tre le donne finite in manette, mentre un’altra è ancora ricercata

Le rapinatrici che promettevano sesso agli anziani per derubarli

Attiravano e stringevano amicizia con persone anziane, offrendosi disponibili per qualche momento di intimità, in cambio di piccoli regali. Poi, una volta entrate in confidenza e adescate le loro vittime, le narcotizzavano con potenti sedativi per poterle derubare. Era questa la tattica utilizzata da una banda di rapinatrici, di origine rumena, scoperta e sgominata a Cosenza. Tre le donne finite in manette, mentre un’altra è ancora ricercata dalle forze dell’ordine.

carabinieri

LE RAPINATRICI E LE VITTIME ANZIANE – I carabinieri hanno ricostruito la tecnica utilizzata. Dopo aver adescato l’anziano e ottenuta la sua fiducia, anche attraverso l’aiuto di una complice, la donna invitava la vittima di turno in un luogo appartato – anche in macchina – offrendole da bere. In realtà, nelle bevande c’erano potenti sedativi in grado di narcotizzare la vittima stessa, ignara. Una volta che l’uomo aveva perso conoscenza, poi le rapinatrici rubavano orologi, denaro, bracciali, ma anche cellulari e carte di credito. A volte, sono stati rubati anche i vestiti. Spesso, per la vergogna, gli anziani preferivano non denunciare il fatto, tanto che per diverso tempo la banda ha potuto continuare ad agire indisturbata. Derubando pensionato dopo pensionato. Poi, dopo una serie di denunce, sono partite le indagini, nel gennaio 2013. Dopo un anno, la banda è stata così smantellata e tre donne sono state fermate.

ANZIANI DERUBATI E ABBANDONATI – Gli anziani venivano abbandonati per strada in stato di incoscienza, alcuni addirittura senza vestiti. Nessuno delle vittime ricordava nulla, se non l’incontro con le donne. Non pochi poi sono stati costretti al ricovero in ospedale. Il motivo? Intontiti dai sedativi, gli anziani hanno perso l’equilibrio e sono caduti per terra, riportando ferite e lesioni.

Photocredit: TeleCosenza.it

fonte

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...